Mappa del sitoContattiInfo e CreditiAiutoStampa questa paginaFeed RSS
spacerspacerspacerspacer
Caratteri piccoli Caratteri medi Caratteri grandi
MEMORIA DELLE ALPI I
MDA I - Obiettivi
MDA I - Azioni e Coordinamento
MDA I - Partner
MDA I - Documenti di progetto
MEMORIA DELLE ALPI II
MDA II - Centri rete Sentieri
MDA II - Nuove ricerche
MDA II - Comunicazione
Registrazione
Dimenticato la password?

Username:

Password:



AREA PARTNER
Per iscriverti alla nostra newsletter è sufficiente compilare il campo sottostante.

Email:

Obiettivi, Risultati attesi e Impatti previsti


Le azioni e i prodotti previsti dal progetto “La memoria delle Alpi” rientrano negli obiettivi specifici di riferimento previsti dalla Misura 2.3 - Cultura, del Programma Interreg III, il cui obiettivo generale è “salvaguardare la cultura tradizionale coniugandola con l’innovazione”.
Data l’articolazione del progetto stesso, tuttavia, singole azioni o prodotti possono raggiungere, in alcuni casi, più obiettivi.

Obiettivi e risultati attesi
Valorizzare e tutelare il patrimonio artistico e culturale.
Il rafforzamento dell’identità transfrontaliera del territorio coinvolto dal progetto non può prescindere da un importante lavoro di conservazione, valorizzazione e catalogazione delle realtà che compongono il patrimonio culturale di tali aree, in riferimento sia alle tematiche su cui si focalizza l’attenzione della sezione I sentieri della libertà sia all’insieme dei beni materiali ed immateriali collegati alla storia ed alla tradizione locale di cui si occuperà la sezione Centri di documentazione sulla cultura materiale.

Rafforzare l’identità culturale e l’habitat tradizionale (rurale, montano e lacustre).
Il progetto si propone di analizzare e rafforzare l’identità transfrontaliera del territorio delle Alpi, di valorizzarne il patrimonio culturale, inteso come insieme di reperti etnografici ed altre testimonianze delle culture locali e inteso nel senso di memoria collettiva e storia condivisa, con particolare riferimento - in questa fase - al periodo che va dal 1938 al 1945, attraverso un’estesa attività di ricerca, censimento e diffusione che prevede una stretta collaborazione tra le équipe di lavoro italiane, francesi e svizzere.

Interpretare le eredità culturali attraverso il recupero della memoria storica.
Il recupero della memoria storica condivisa, anche attraverso lo sviluppo di attività culturali comuni, è uno degli obiettivi principali del progetto. Le équipe di ricerca italiane e francesi, ed anche svizzere, lavoreranno a stretto contatto nello svolgimento delle loro attività, ed i risultati del loro lavoro daranno vita ad una Banca-Dati comune ed a un Portale Internet, che si interfacceranno e relazioneranno al fine di costituire un Sistema Informativo complesso a disposizione di ricercatori, studenti, professori, comunità locali, turisti, ecc. Il progetto prevede, inoltre, la realizzazione di mostre tematiche, attraverso il lavoro svolto in maniera coordinata dai diversi partner.

Offrire sul mercato del turismo culturale nuovi prodotti integrati.
Il progetto “La memoria delle Alpi” intende realizzare strumenti innovativi in grado di lanciare, promuovere e diffondere risultati e prodotti del progetto stesso, al fine di rendere disponibili informazioni approfondite per i quattro target fondamentali individuati: le Scuole (docenti e allievi); i Centri di documentazione; i "testimoni" (partigiani, deportati, ebrei, militari) e le comunità locali; i visitatori genericamente interessati e senza specifica competenza.
I principali prodotti del piano di comunicazione nell'area delle applicazioni multimediali consisteranno in un Web Vortal e in alcuni Cd-Rom: il primo è un portale di nuova generazione, un "portale verticale", capace di offrire qualità e profondità su un particolare tipo di contenuti; orientato alla creazione di una comunità di settore con cui poter interagire, ricavando dati e informazioni di interesse strategico; i secondi - dedicati nello specifico alle scuole - sono strumenti di importanza primaria per fini didattici e in subordine per la promozione turistica. I CD-Rom dovranno svolgere una funzione di approfondimento tematico rispetto a quella propriamente documentale svolta dalle applicazioni on-line, costituendo uno strumento di promozione del progetto "La memoria delle Alpi" soprattutto presso le scuole. Affinché tali prodotti possano essere utilizzati da un vasto pubblico, nei territori coinvolti dal progetto (musei, centri-rete, punti informativi, ecc.) verranno approntate apposite postazioni multimediali.


Ricadute sul territorio
Il progetto può avere rilevanti ricadute sui territori coinvolti:

Culturali :
Mediante l’azione di censimento, valutazione e recupero del patrimonio storico e culturale - tanto nella sezione “I sentieri della libertà” quanto in quella dei “Centri di documentazione sulla cultura materiale nelle aree alpine” - le comunità coinvolte hanno modo di riappropriarsi di tracce e memorie particolarmente significative della propria storia, che è storia sì di conflitti ma anche di comunicazione e scambio tra differenti culture unite da valori condivisi. Attraverso l’opera di valorizzazione dei “Sentieri della libertà” si possono, inoltre, riscoprire e valorizzare antichi insediamenti e nuclei abitati, testimonianze dimenticate, siti trascurati, punti di interesse paesaggistico o naturalistico di grande bellezza e rarità.

Formative:
La fruizione didattica è la finalizzazione prioritaria del progetto, non alternativa ma contestuale a quella turistica, anche in considerazione del fatto che il “turismo scolastico” privilegia, per sua natura, gli itinerari tematici che abbiano, come nel presente progetto, una forte valenza interdisciplinare. La fruizione didattica si potrà realizzare sia con la presenza diretta sui luoghi (i “sentieri” in senso stretto, le varie presenze museali sul territorio, i centri di documentazione etnografica), sia attraverso l’uso degli strumenti multimediali che consentiranno di “visitare” nella sua completezza e complessità il museo “virtuale” (con una “perdita” di impatto diretto, ma un possibile “guadagno” di approfondimento).

Economiche e sociali :
Il progetto può contribuire a creare un’offerta turistica di carattere storico-culturale, ecocompatibile, complementare a quella oggi presente, fondata prevalentemente sui patrimoni ambientali e naturalistici e connessa ad una fruizione escursionistica e sportiva del territorio. Ne può conseguire, così, un aumento delle presenze turistiche e dello scambio turistico nazionale e internazionale, con una ricaduta economica nel settore ricettivo e commerciale e la possibilità di nuovi sbocchi occupazionali per i giovani che intendono continuare a vivere ed operare in montagna.

Capofila: Regione Piemonte - Assessorato Cultura
Capofila Svizzera: Istituto di Storia delle Alpi - Università della Svizzera Italiana
Partner principale Francia: Università Pierre Mendès France di Grenoble
Coordinamento: Centro d'Iniziativa per l’Europa del Piemonte